SSP, ufficiale: Stefano Manzi in Dynavolt Triumph con Hannes Soomer

SSP, ufficiale: Stefano Manzi in Dynavolt Triumph con Hannes Soomer© Dynavolt Triumph

L’italiano, dopo un paio di wild card fatte l’anno scorso, è pronto per disputare una stagione intera sulla Daytona 765 del team PTR, al fianco dell’estone appena ingaggiato

10 giorni fa

La notizia che vi abbiamo anticipato lo scorso 12 dicembre è diventate realtà oggi. Stefano Manzi, pilota della VR46 Academy, sbarcherà ufficialmente nel Mondiale Supersport 2022 con il team PTR di Simon Buckmaster, al fianco di Hannes Soomer.

Dapprima lo stesso Manzi e poi il team PTR, con un comunicato stampa sui social, hanno ufficializzato l’accordo e la partecipazione della squadra inglese alla nuova Supersport. Dalla parte di Manzi, ovviamente, c’è il fatto di conoscere già il motore della sua nuova cavalcatura, avendo guidato negli ultimi due anni le Moto2 spinte dal tre cilindri inglese. 

Ritorno in grande stile, dunque, per il team PTR dopo un anno di assenza (ultimo anno di PTR Honda in Supersport il 2020) e una stagione, la scorsa, nella Supersport britannica, già adeguata al nuovo regolamento che alza le cilindrate massime fino ad 800 cc per quanto riguarda i tre cilindri.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Dynavolt Triumph (@dynavolttriumph)

Le prime parole di Stefano Manzi e Simon Buckmaster


A margine dell’annuncio ufficiale ha parlato il 22enne di Rimini che ha detto: “Sono felice di far parte di questo team e del progetto che prevede il ritorno di Triumph nel Mondiale. Ora sono concentrato sui miei allenamenti questo inverno per essere pronto al 100% per la nuova stagione. Non vedo l’ora di tornare in pista sulla mia nuova moto.”

Ha parlato anche il team manager, che nella giornata di ieri aveva già messo sotto contratto l’estone Soomer. “Siamo davvero lieti di ingaggiare Stefano Manzi dalla VR46 Academy per correre con il team Dynavolt Triumph nel nostro ritorno al World Supersport quest'anno - ha detto -. È un prospetto interessante con un buon livello di prestazioni nelle sue stagioni in Moto2. Ha ottenuto un piazzamento tra i primi sei verso la fine dello scorso anno, quindi è in buona forma. Ha fatto un paio di wild card nel WorldSSP, quindi conosce le gomme Pirelli e, naturalmente, conosce bene il motore Triumph. Non dirò che sorprenderà alcuni perché molte persone pensano che sarà un buon front runner ed è quello che vogliamo, lottare per le vittorie in gara e il titolo. Non vediamo l'ora di iniziare i test a marzo con Stefano e ovviamente con Hannes”.

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi