Nella Superstock 1000, Lausitzring amaro per i nostri portacolori, che dopo la pole position di De Rosa e altre numerose prestazioni eccellenti avrebbero sperato in un round Germania made in Italy. Invece la pioggia ha cambiato i valori in campo. Le BMW hanno sofferto, mentre la Ducati, per merito di una buona elettronica e soprattutto di un pilota che ha fatto la differenza ha dominato. L'argentino Mercado ha vinto la corsa con oltre 21" di vantaggio, un dato che vale più di mille commenti.

"All'inizio ho faticato - ha dichiarato Mercado -, perché non avevo mai girato al Lausitzring sul bagnato. Al primo giro mi sono accorto che c'era poco grip, però avevo un buon feeling con la moto, così mi sono concentrato sulla guida, senza pensare al resto. Sono felice anche perché venerdì e sabato ho avuto molte difficoltà, oggi superate. Ora mancano due gare al termine del campionato e ho 14 punti di vantaggio su De Rosa".

BRYAN STARING - Alle spalle di Mercado, si è piazzato l'australiano Staring, in sella alla Kawasaki ZX-10R: "Sono molto contento di questo podio - ha detto Staring -, perché ho passato un brutto periodo, uno dei peggiori della mia vita. Sono stato a lungo a casa, con la gamba rotta e ho sofferto. Tornare e vincere è stato emozionante, anche perché è la mia ultima stagione in Europa e volevo lasciare un buon ricordo di me".

RICCARDO RUSSO - Terzo posto per il primo degli italiani, Russo: "Con l'asciutto faticavo - ha dichiarato Russo -, mentre col bagnato sono andato decisamente meglio. Questo è l'unico circuito che non conoscevo. Le prossime gare sarò più competitivo e non mio risparmierò".

Qui potete leggere la classifica della gara della Superstock 1000.