Fin dal suo lancio, il TMAX è sempre stato un riferimento per prestazioni, stabilità e fascino. Prima di lui lo scooter era solamente un mezzo di trasporto, impossibile immaginarlo come un mezzo ludico. A Iwata però sono stati i primi a credere che anche uno scooter potesse avere prestazioni paragonabili a una moto, ed è così che l’hanno inventato.

Il TMAX è stato il primo vero maxiscooter sportivo (prima di Yamaha nessuno aveva osato montare un telaio perimetrale in alluminio su uno scooter) e ancora oggi è il riferimento, nonostante la concorrenza si sia fatta negli anni sempre più incalzante e specializzata. Ma la storia si ripete: quando gli altri si avvicinano, lui fa un altro passettino in avanti. Proprio come il Model Year 2020, aggiornato in vista dell’Euro5 e più completo che mai. Quest’ultima versione è cresciuta di cilindrata fino a 562 cc (aumento dell’alesaggio di 2 mm) e la potenza è passata da 45 a 48 CV (il limite della patente A2) e la coppia da 53 a 55,7 Nm. Il motore bicilindrico in linea è cambiato in tanti particolari, dai pistoni forgiati, alle bielle, passando per l’albero motore più leggero e perfino le valvole di aspirazione di diametro maggiore.

Telaio e forcellone in alluminio, forcella a steli rovesciati a doppia piastra e monoammortizzatore con leveraggi: potrebbe sembrare la scheda tecnica di una moto, e invece… Il peso si ferma a 218 kg in ordine di marcia, la sella è ad appena 800 mm (chiunque tocca facilmente con i piedi a terra), il parabrezza è regolabile. Tutto bello, ma per qualcuno potrebbe anche non bastare. Ed è qui che interviene Polini.

La Vespa GTS Super 300 “mette le ali” con Polini Motori

Il kit dell'azienda bergamasca


Nella loro sede ad Alzano Lombardo (BG), producono dal 1945 kit di potenziamento per veicoli a due ruote, specialmente scooter. E per il TMAX hanno sempre avuto attenzioni particolari, fin dalla prima edizione. Il primo importante step di elaborazione per il nuovo 560 è il variatore Polini.

L’azienda ne ha tre a catalogo (la gamma si chiama Hi-Speed), per rispondere a diverse esigenze. Il primo step ha costi contenuti (186,24 euro + IVA) e prevede un discreto aumento di prestazioni. Il secondo step invece è quello più aggressivo (256,56 euro + IVA), mentre il terzo step prevede anche l’installazione di una cinghia in kevlar-aramid (misura dedicata) a 352,7 + IVA. Parlando di cinghie, quella in misura standard ha un costo di 136,91 euro + IVA, mentre quella a misura personalizzata costa 147,52 euro + IVA.

Nel catalogo figurano anche la semipuleggia mobile Speed Drive (202,88 euro + IVA), il filtro aria variatore (37,16 euro + IVA) e le molle di contrasto con sistema anti-torsione Evo Slider di diverse rigidezze. Polini vende anche un impianto di scarico che necessita il montaggio di un paio staffe: ha il fondello in alluminio e una grafica texture simil carbonio. È omologato Euro4 e costa 687,10 euro + IVA.

Protettivo ergonomicamente corretto, sul TMAX si sta in sella comodamente anche su lunghe percorrenze. Il tunnel centrale è un po’ ingombrante ma lo spazio per i piedi non manca e la facilità di trovare la posizione di guida ideale, grazie alla possibilità di distendere le gambe, permette a chiunque di sentirsi a proprio agio. E con il kit Polini completo, basta premere il pulsante di massa per aggiustare una giornata storta. Il sound è cupo, maestoso, quello che ci si aspetta da un maxiscooter del suo rango. Già di serie il bicilindrico ha una voce piuttosto profonda, ma con l’impianto Polini è tutta un’altra storia.

Lo scarico è anche estremamente curato: basta osservarlo per notare la minuzia con cui sono realizzati anche i più piccoli dettagli, al pari di un prezioso gioiello ornamentale. E bastano pochi metri per accorgersi quanto l’erogazione sia decisamente migliorata. Non è una questione di potenza assoluta, ma di fluidità e linearità. Grazie allo scarico più libero, tutte le incertezze del motore (soprattutto a metà scala del contagiri) sono sparite. La spinta ora è realmente costante lungo tutto l’arco di giri, dal minimo e fino alla zona rossa. Ma il maggior beneficio è dato dal nuovo variatore (sul nostro esemplare era montato il secondo step). La risposta al gas ora è semplicemente esplosiva, come sparare con un fucile. Prendete la mira, trattenete il fiato e sbem! Fate fuoco.

Metafore a parte, con il kit variatore montato, il TMAX non teme niente e nessuno. Lo scatto al semaforo è dirompente, difficile immaginare qualcosa di più rapido. Una piccola rotazione del gas, anche ad andature sostenute, genera un impulso in avanti deciso, quasi rabbioso. E anche l’allungo sembra più insistente rispetto al modello di serie. Probabilmente è un beneficio dato dal mix di scarico e variatore, ma il fatto è che anche oltre i 150 km/h spinge con una forza sconosciuta al TMAX che abbiamo sempre provato. Un’irruenza impressionante, che ben si accompagna alla ciclistica affilata e precisa che da sempre contraddistingue il TMAX. Se avete sempre desiderato un mezzo a variatore in cima alla catena alimentare, Polini ha ciò che fa per voi.

The Test: Yamaha TMAX, il ritorno del Re