Visto il grande successo ottenuto dalla Aprilia RSV4 X, la speciale versione della supersportiva di Noale tra le più potenti e leggere di sempre, la Casa di Noale ha deciso di regalare agli appassionati un nuovo gioiello firmato Aprilia Racing.

Di cosa stiamo parlando? Dell'Aprilia Tuono V4 X, una “super Tuono” prodotta in serie numerata e limitata, grazie al know how della factory vincitrice di 54 titoli iridati - sette dei quali conquistati proprio con il 4 cilindri a V stretta, in WorldSBK -, che ha reso la hypernaked una vera e propria moto da corsa, con il manubrio alto.

Prestazioni entusiasmanti


Emozioni da vero top rider e prestazioni che hanno convinto anche i piloti della Casa di Noale: queste le credenziali della Tuono V4 X, capace di girare in 1’50” a Imola insieme a Lorenzo Savadori, che ne ha curato lo sviluppo.

“È la moto più divertente che abbia mai guidato - ha detto a riguardo il cesenate -. Il mix tra comodità e prestazioni è, secondo me, unico. Il motore pazzesco sa essere anche molto gestibile, sia per gli esperti sia per gli amatori, e il pacchetto aerodinamico regala una stabilità incredibile per essere una naked. Credo che la Tuono V4 X abbia ancora una volta creato un nuovo segmento”.

Parole a cui fanno eco quelle del pilota MotoGP Aleix Espargaró, che ha voluto provare la hypernaked sul circuito del Red Bull Ring, dove il Motomondiale ha appena concluso il back-to-back Austria/Stiria.

“La Tuono V4 X è spaziale - ha affermato lo spagnolo -. Non avevo mai provato in pista una moto con manubrio alto e sono rimasto sorpreso dalla sensazione di stabilità. Il motore è pazzesco, ma la ciclistica non va in crisi, anzi: posizione di guida ed elettronica la rendono estremamente divertente. Puoi guidarla in modo pulito, ma puoi anche metterla di traverso. È una pura sportiva con un lato da teppista!".

MotoGP, Dovizioso, ipotesi Aprilia: le parole del manager Battistella

Tecnologia racing


Obiettivo della Casa di Noale era proprio rendere questa "super Tuono" una vera moto da corsa con manubrio alto, per l'uso esclusivo in pista. Per riuscirci Aprilia si è affidata all'esperienza del suo Reparto Corse, che ha contribuito allo sviluppo della Tuono V4 in versione X, introducendo (per la prima volta su questo tipo di moto) una generosa appendice aerodinamica frontale in carbonio - derivata da quella che equipaggia le Aprilia RS-GP di MotoGP -, in modo da aumentare la stabilità alle alte velocità e nelle fasi critiche di staccata e apertura gas.

Ma non è solo l'aerodinamica ad avvicinare la hypernaked ai prototipi: con un peso di 166 kg misurati a secco sulla bilancia, ottenuto grazie a un sapiente lavoro di alleggerimento, la Tuono V4 X ha ben poco da invidiare a una MotoGP.

Per conferire al tutto un aspetto ancor più corsaiolo, tutte le sovrastrutture sono realizzate in carbonio e impreziosite da una nuova grafica dedicata “Bol d’Or”, ispirata alla Aprilia RSV 1000 R Factory che prese parte all’edizione 2006 della classica endurance.

Il serbatoio, alleggerito, mantiene la forma di quello originale, mentre l’impianto elettrico di serie è stato semplificato.

Di chiara derivazione sportiva è la pulsantiera racing per la regolazione dei principali controlli elettronici della Tuono V4 X. Numerosi sono i particolari in alluminio ricavato dal pieno che contribuiscono ad abbattere il peso, come la leva frizione, la protezione della leva del freno, le protezioni dei carter motore, le pedane regolabili e il tappo del serbatoio. I cerchi Marchesini in magnesio forgiato, dotati di pneumatici slick, regalano valori di maneggevolezza inaccessibili anche alle supersportive carenate.

V4 da 221 CV e freni Brembo


Il motore, invece, deriva dall’unità che equipaggia la RSV4 1100 Factory. L’impianto di scarico Akrapovic dispone di collettori in titanio e di terminale in carbonio, mentre il filtro dell’aria è un elemento è la stessa unità waterproof della Sprint Filter, che utilizza Aprilia Racing in MotoGP.

La potenza massima del V4 di Noale passa dai 217 CV dell’unità di serie ai 221 CV misurati all’albero. Prestazioni perfettamente sfruttabili grazie all’evoluto sistema di sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0 e a un telaio figlio di una dinastia che ha vinto 18 titoli e 143 Gran Premi nella classe 250.

La messa a punto elettronica è garantita da una centralina rivista nelle logiche di funzionamento, dotata di mappature di controllo motore e dinamica del veicolo sviluppate da Aprilia Racing. Le mappature del motore sono tutte “full power” e ottimizzate per l’impianto di scarico racing. I livelli di engine brake, traction control e anti wheelie sono specificamente studiati per l’uso in circuito. Di serie il cambio elettronico assistito anche in scalata e la strumentazione TFT a colori riprogrammata con visualizzazione dei tempi sul giro mediante sensore GPS integrato.

Anche l’impianto frenante è totalmente racing e adotta pinze Brembo GP4-MS ricavate dal pieno, che agiscono su una coppia di dischi in acciaio con tecnologia T-Drive e sono comandate da una pompa radiale da 19x16, anche essa ricavata dal pieno.

Prenotazione online e ritiro alla factory


Il prezzo di tutto questo? 34.900 Euro per ciascun esemplare dell'Aprilia Tuono V4 X, che è già prenotabile esclusivamente online, sul sito web di Aprilia. Gli acquirenti avranno la possibilità di ritirare la propria moto direttamente presso Aprilia Racing, con contestuale visita in esclusiva al reparto corse di Noale.

La Tuono V4 X rientra nel programma esclusivo Factory Works varato da Aprilia Racing, che rende disponibile la stessa tecnologia sviluppata nelle competizioni a coloro che intendano competere ai massimi livelli nei campionati delle derivate di serie o che desiderino avere una RSV4 o una Tuono V4 dalle performance ottimizzate per l’uso in circuito.

Aprilia: Tuono e RSV4 “Misano edition” per gli USA